Come esplorare e progettare gli spazi pubblici nelle periferie della città contemporanea
Dal 28 agosto al 5 settembre 2017
Università degli Studi di Trieste, Dipartimento di Ingegneria e Architettura, Corso di Laurea in Architettura con la collaborazione del Comune di Trieste, Servizio Musei e Biblioteche, Biblioteca Stelio Mattioni

scarica locandina [.pdf]

Il Modulo “Esperienze urbane”, promosso da un gruppo di docenti di Progettazione urbanistica del Corso di Laurea in Architettura dell’Università degli Studi di Trieste, si colloca nell’ambito dei percorsi formativi in continuità e alternanza Scuola-Università. Si tratta di esperienze educative, co-progettate dalla scuola con altri soggetti e istituzioni, finalizzate a offrire agli studenti occasioni formative di alto e qualificato profilo.
Lavorando nelle aule universitarie e negli spazi del quartiere di Borgo San Sergio a Trieste, “Esperienze urbane” propone agli studenti delle scuole superiori della regione Friuli Venezia Giulia un avvicinamento alla conoscenza di metodi, strumenti e linguaggi per osservare, descrivere e progettare lo spazio pubblico nella città contemporanea.
Le attività del modulo riproducono, sia pure in un arco di tempo ridotto, le modalità di insegnamento universitario proprie dei laboratori di progettazione urbanistica. L’intento è mostrare la varietà di conoscenze e competenze (progettazione urbanistica, etnografia-antropologia urbana, fotografia, arte pubblica…), esperienze e soggetti (docenti, abitanti, operatori delle istituzioni che lavorano sul territorio…) con cui l’attività di progettazione degli spazi pubblici è oggi chiamata a confrontarsi.
Dal 28 agosto al 5 settembre, le docenti responsabili (Sara Basso, Elena Marchigiani, con Paola Di Biagi) collaboreranno con una docente delle scuole superiori di Trieste (Claudia Giacomazzi) e con altri professori e professionisti attivi in diversi campi di ricerca e professionali (Roberta Altin, antropologa urbana; Gianna Omenetto, fotografa; Elisa Vladilo, artista) nello svolgimento di una serie articolata di attività, che vedranno la partecipazione di studenti delle scuole superiori di Trieste, Monfalcone, Udine e Gorizia, con il supporto di studenti del Corso di Laurea in Architettura, coordinati da Lorenzo Pentassuglia.
Il lavoro si articolerà in comunicazioni/incontri in aula ed esplorazioni nel quartiere di Borgo San Sergio a Trieste:

Lunedì 28 agosto 2017, Università di Trieste
ore 14,00-17,00, campus universitario di piazzale Europa, aula A edificio C8 (III piano), Trieste
Comunicazione_Introduzione al modulo: luoghi, temi, approcci e strumenti

Martedì 29 agosto 2017, Borgo San Sergio Trieste
Ore 10,00-10,30, Biblioteca Stelio Mattioni (Borgo San Sergio, via Petracco 10)
Organizzazione del lavoro sul campo
Ore 10,45-13,00, nel quartiere
Esplorazione guidata dai docenti 1_Passeggiata “fotografica”
Ore 13,30-17,00, Biblioteca Stelio Mattioni (Borgo San Sergio, via Petracco 10)
Lavoro di sintesi, comunicazione_modi/approcci per intervistare gli abitanti usando le fotografie come stimolo

Mercoledì 30 agosto 2017, Borgo San Sergio Trieste
Ore 10,00-11,30, Biblioteca Stelio Mattioni (Borgo San Sergio, via Petracco 10)
Comunicazione/lavoro in aula_ descrivere spazi, interpretare problemi e opportunità
Ore 11,45-15,15, nel quartiere
Esplorazione guidata dai docenti 2_Rilievo e interviste
Ore 15,30-17,00, Biblioteca Stelio Mattioni (Borgo San Sergio, via Petracco 10)
Lavoro di sintesi

31 agosto 2017, Borgo San Sergio Trieste
Ore 10,00-17,00, Biblioteca Stelio Mattioni (Borgo San Sergio, via Petracco 10)
Comunicazioni e lavoro di aula_costruire visioni per riflettere su nuove specie di spazi pubblici

5 settembre 2017, Università di Trieste
ore 10,00-14,00, campus universitario di piazzale Europa, aula A edificio C8 (III piano), Trieste
Riflessione ed illustrazione/discussione dei risultati del modulo (prova finale)

Gli esiti del Modulo verranno diffusi attraverso una pubblicazione (EUT-Edizioni Università di Trieste) e l’organizzazione di mostre presso la Biblioteca Stelio Mattioni e alcune delle scuole direttamente coinvolte.